skip to Main Content
Novità Di Febbraio

Novità di Febbraio

Con ANNOTU, il nuovo progetto Lunàdigas finanziato dal bando Studi e Ricerche della Regione Autonoma della Sardegna, l’Archivio Vivo si apre alle varianti linguistiche dell’isola e alla ricerca sul tema della genitorialità e della non genitorialità a tutto tondo.

La fase di raccolta avviata in questi mesi è terminata e stiamo già lavorando alla nuova sezione del sito, in cui saranno presto accessibili in lingua originale, sottotitolate in italiano e in inglese, tutte le testimonianze delle donne e degli uomini sardi che hanno regalato il loro contributo.

Donne senza figli, ma anche uomini, anche madri e padri: per cominciare a esplorare le ragioni di chi i figli li fa, indagate raramente, ci è parso buono e giusto partire dalla Sardegna, dove Lunàdigas è nata, e dalle lingue madri.
Quelle del cuore, quelle che corrispondono allo strato più intimo – e insieme collegato alle radici del mondo – di tuttə noi.

Novità anche per il Fondo Internazionale, con la testimonianza delle sorelle Antonia e Franziska, raccolta in Germania: Antonia non può avere figli a causa di un cancro. Franziska è disposta a fare da madre surrogata, ma la legge lo vieta. A Lunàdigas raccontano le loro ragioni.

Torniamo in Italia con la testimonianza raccolta a casa di Susi, distributrice del film Lunàdigas, ovvero delle donne senza figli, insieme alle sue amiche Liliana, Marisa, Rosanna e Sonia: cinque donne che si sono formate e militano nel movimento femminista dialogano e si confrontano sul tema della maternità e della non-maternità, portando alla luce i propri vissuti.

Per la serie Monologhi Impossibili, i ritratti immaginati dalla penna di Carlo A. Borghi di due grandi donne (per motivi molto diversi!): la scrittrice inglese Jane Austen, a cui presta la voce Monica Trettel, e Giovanna D’Arco, interpretata da Vanessa Aroff Podda.

Nella sezione Storie, Claudia Mazzilli aggiunge un altro consiglio di lettura lunàdiga con È un giorno triste quello in cui il nazionalismo diventa il male minore, recensione di Confine. Viaggio al termine dell’Europa (EDT edizioni 2019) di Kapka Kassabova, “un’opera coraggiosa che decostruisce il concetto stesso di frontiera”.

Sempre per la sezione Storie, la testimonianza di L., TRA(U)MA DI UN CORPO, racconta un travagliato percorso ginecologico.

👉 Lascia un commento per raccontarci cosa ne pensi, oppure ti aspettiamo su tutti i nostri canali social per discuterne insieme!

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
Back To Top