Search:
Lunàdigas. Testimonianze, racconti e motivazioni delle donne che hanno deciso di non avere figli.
14892
home,page,page-id-14892,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson child-child-ver-1.0.0,hudson-ver-1.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

Quando la necessità di raccontare la condizione di Lunàdigas si è fatta pressante, è emersa la voglia di tentare un esperimento: infrangere regole e ruoli stabiliti di autrici e registe con un ribaltamento di 180 gradi necessario a noi e al film. Ci è parso infatti riduttivo star confinate dietro la macchina da presa tanto che abbiamo scelto di comparire con il nostro corpo e le nostre storie personali mescolandoci con tutte le donne del film. Senza per questo abdicare al nostro ruolo autoriale, piuttosto trasmettendo a chi guarda che quel mondo che stiamo raccontando è anche il nostro, ne facciamo parte, ci riguarda.

Vai al progetto

Le Autrici

L’una bruna, l’altra anche
Si conoscono in Sardegna nel 1991. Nello stesso anno ha inizio la loro collaborazione prima negli studi radiofonici della Rai, più tardi alla realizzazione di alcuni documentari per la serie Storie Vere di Rai Tre.

L’una pitosforo, l’altra sambuco
Le autrici si distinguono per l’appassionata ricerca di un linguaggio innovativo nel trattamento di temi sociali importanti, primo fra tutti la condizione delle persone disabili.

L’una Vespa lilla, l’altra R4 rossa
Col tempo la tematica iniziale si amplia e le autrici percorrono nuove strade di rappresentazione della realtà focalizzando la loro attenzione sulle storie di relazione e sulle testimonianze.

L’una il Sessantotto, l’altra il Settantasette
L’impegno del momento è la realizzazione del progetto Lunàdigas dedicato alle donne che hanno scelto di non avere figli.

L’una Marzemino, l’altra Vermentino
Prendendo spunto dalla loro personale condizione di donne senza figli, le autrici indagano e si interrogano sulle ragioni di una scelta mai facile, poco raccontata o tenuta nascosta.

L’una clitoridea, l’altra vaginale. E viceversa
Lunàdigas è una parola della lingua sarda usata dai pastori per definire le pecore che non figliano.

L’una porta i capelli grigi, l’altra anche

rassegna stampa
mappamondo-press-retro

primi commenti

  • C'era bisogno di una sola parola che ci definisca. Da sempre non voglio avere figli, da oggi sono una Lunàdiga felice di esserlo.

    - Marina

  • Finalmente mi son sentita meno sola nella scelta di non avere figli, è bello far parte della comunità di Lunàdigas, grazie!

    - Giuseppina

  • Partecipo con entusiasmo, finalmente se ne parla!

    - Kathia

  • Sono grata a Lunàdigas, anche in ambienti femministi se ne parla pochissimo.

    - Angela

  • Ieri sono stata dallo psicologo per problemi legati alla maternità. Oggi mio marito mi ha segnalato il vostro webdoc... grazie grazie!

    - Elena

  • Grazie davvero di questo prezioso spazio di libertà e condivisione.

    - Francesca

  • Non ho avuto figli perché non li volevo avere.

    - Lisetta

  • Figli per tutta la vita miei... non ce la posso fare!

    - Rossana