skip to Main Content

“Amo il mio cane ma non è il rimpiazzo ad un figlio”

Francesca Nesler ci parla di come il desiderio di diventare madre abbia attraversato le diverse fasi della sua vita, fino a una gravidanza non andata a termine. 

Vuoi ascoltare e leggere altre testimonianze? Sostieni l’archivio vivo di Lunàdigas!

 

Ecco la trascrizione completa del video:

«Io non posso dire di avere preso una vera e propria decisione in materia nella mia vita, o meglio tutti i tempi della vita mi hanno portata a pensarla un po’ diversamente. Quando avevo 20 anni volevo 7 di figli. A 30 anni neanche uno. A 40 anni ho pensato che forse sì, ci potevano anche stare e ho provato anche a farli con vicende che mi hanno fatto presto capire che forse non era la strada giusta per meI miei “dintorni” certamente non mi hanno giudicato per il fatto di non avere figli. Non mi sento giudicata come un nido vuoto o di aver scelto una strada egoista.  Mi sento di aver scelto per me stessa e basta, perché appunto la mia comunità ha nella memoria il fatto che io ci abbia provato.

Verso me stessa ho una sensazione che non voglio assolutamente chiamare di fallimento, improvvisamente non avendo portato avanti quelle gravidanze, mi sono rivalutata nel senso che ho capito di non essere Wonder Woman, perché mi aspettavo anche questo da me stessa: nella mia testa avrei dovuto fare un figlio come se niente fosse, cioè ritrovarmi il giorno dopo con una creaturina che mi girava attorno, partorita in due ore e senza avere mai avuto nausee e senza una modificazione del mio vivere a causa di un figlio.

Adesso mi è rimasta questa idea di essere fallibile, ma non fallita, di essere comunque vulnerabile perché il mio fisico non mi ha sostenuta in un momento in cui comunque gli accadevano delle cose dentro. Tutto questo mi ha dato l’idea di un confine. Mi sta dando in realtà maggiore coscienza di chi sono io e delle forze su cui posso contare».

« Sì, anche la storia con il mio cane è curiosa, io da tanti anni volevo avere un cane ed alla fine è arrivato. Lei ha trovato me, in una vacanza che appunto stavo facendo per riprendermi un po’ dallo shock di questa gravidanza non andata a termine. E’ arrivata una creaturina così di 2 mesi che si è piazzata nel buco che avevo nel cuore, portandomi grande benessere. Ho un atteggiamento molto materno nei confronti del cane, lì vengo criticata forse, lì sento la critica della società che ho intorno, ma non credo che questo cane sia per me un rimpiazzo ad un amore che avrei destinato ad un figlio, mi piacevano gli orsacchiotti quando ero piccola, invece ora ho un canino che mi sta intorno e che mi somiglia».

Back To Top