skip to Main Content

Il cerchio delle rugbiste: "E se scopri che è troppo tardi?"



Figli o no? start 00:00:00end 00:04:29 Giorgia, che ha appena partorito, chiede alle compagne di squadra se hanno il progetto di diventare madri. Tutte le ragazze manifestano l'apertura a costruire una famiglia, ma riconoscono che non è la priorità o non hanno le condizioni materiali ed economiche per poterselo permettere.trascrizione BEATRICE: "… non riesco neanche a cavarmi le scarpe…"
VERONICA: "Oh raga', sono migliorata…"
GIORGIA: "A fare cosa? … Fai la mamma?"
ALESSIA: "Sì."
VERONICA: "Bambina Bea."
ALESSIA: "Però sei femmina, io non voglio una femmina."
GIORGIA: "Perché?"
ALESSIA: "Perché io voglio un maschio."
VERONICA: "Sono d'accordo."
BEATRICE: "Sai che è contro la tua specie quest'affermazione…"
ALESSIA: " … la mia specie..."
[risateBEATRICE: "Ok, me le tolgo io..."
GIORGIA: "Perché vuoi un maschio?"
ALESSIA: "Non so, ho sempre voluto un maschio."
VERONICA: "Perché così gioca di più, va fuori. Corre."
BEATRICE: "Anch'io ho sempre voluto un maschio."
GIORGIA: "Io quando ero incinta ho detto: "Sono convinta sia un maschio". Quando mi han detto: "È una femmina"... "Ma siete sicuri che è una femmina?" "
VERONICA: "Sì, ma la Anna va bene… è superattiva, va benissimo anche una bambina."
GIORGIA: "Maschio o femmina, basta che ci siano!"
ALESSIA: "Oppure due: un maschio e una femmina, così…"
BEATRICE: "Tanto comunque fino ai tredici anni mangiano e dormono che è una meraviglia."
[risate]
ALESSIA: "Che bambini hai visto nella tua vita?"
GIORGIA: "… mangiano e dormono? Fanno anche dell'altro."
BEATRICE: "Nel senso che non ti danno preoccupazioni, dai…"
ALESSIA: "A tredici anni adesso come adesso..."
BEATRICE: "Infatti. Bisogna stare attenti."
VERONICA: "Guardate la Miriam… l'esempio..."
GIORGIA: "Ragazze, ma voi niente figli? Cioè tipo adesso, che ho fatto allenamento, il primo che riprendo dopo la panza - ce ne è ancora un po'-... ma voi niente? Cioè voi ne fareste uno?"
BEATRICE: "Anche cinque."
GIORGIA: "Cinque Bea?"
VERONICA: "Con la materia prima…"
BEATRICE: "Dove si mangia in uno si mangia in cinque."
[risate]
GIORGIA: "La materia prima… si può risolvere."
ALESSIA: "Beh, adesso ce ne ho ventisette di anni, la mia mamma mi ha avuto a trentaquattro…"
CORO: "Ancora c'è tempo…"
TESTIMONE 6: "Allora sono ancora in tempo anche io…"
BEATRICE: "Beh, tu stai scadendo…"
TESTIMONE 6: "Grazie Bea!"
CHIARA: "No, adesso è troppo presto! Ma della serie: per adesso non ci penso neanche; se viene, viene, se non viene va benissimo così."
GIORGIA: "Sì, ma non è che vengano giù dal cielo i figli." [risate]
CHIARA: "Può essere…"
GIORGIA: "Può essere… una volta è successo… quella, non in assoluto. Magari può essere che venga giù dal cielo, una volta è successo…"
CHIARA: "Dipende da come va la vita, dipende… cioè non è la mia priorità sicuramente, non ci ho mai pensato."
GIORGIA: "Ceretta, ceretta..."
CHIARA: "L'ho già fatta, tranquilla…"
GIORGIA: "Ma non ci hai mai pensato perché hai delle altre cose da fare?"
CHIARA: "Sì, do la priorità a me! Cioè almeno penso che… a mio parere prima vengo io, prima vengono i miei sogni, la mia vita, poi se un giorno ci sarà… se sarà il momento…"
BEATRICE: "Se non vengono figli, fa lo stesso."
GIORGIA: "Se non vengono, fa nulla."
VERONICA: "Per adesso se non vengono va bene…"
BEATRICE: "… intanto finiamo di studiare, dico…"
ALESSIA: "Anche perché adesso come adesso... poi devi pensare che li devi mantenere… che devi avere una stabilità lavorativa, economica, un tetto sopra alla testa."
BEATRICE: "Beh, guarda Maria, una capanna, un bue...… e l'asino." [risate]
ALESSIA: "Gli facevano caldo così…"
BEATRICE: "Esatto."]]>
soggetto desiderio lavoro maternità


Back To Top